EventiIn evidenzalibrimanagementNews

Fare i Manager rimanendo brave Persone

4 commenti535 visite
Schermata 2018-05-18 alle 10.50.00

Questo è il titolo delle due serate che abbiamo organizzato a Milano e a Verona con Giuseppe Morici, CEO di Bolton Alimentare (ex VP Sales di  Barilla e un passato in Procter & Gamble”.

Dopo il successo del primo libro “Fare marketing rimanendo brave persone”, arriva il nuovo “Fare i manager rimanendo brave Persone”, la qual cosa non gli ha creato pochi problemi considerando che molti (addirittura le librerie stesse) credono che sia lo stesso libro “rivisitato”.

In realtà si tratta di due libri diversi, uno più interessante dell’altro.

Dopo un primo incontro con Giuseppe tre anni fa in occasione di una lezione del nostro MUSTer a La Stampa di Torino, abbiamo deciso di prendere spunto proprio dal titolo del suo nuovo libro per confrontarci sul ruolo dei Capi (“manager, imprenditori e manager per caso”), sui pregiudizi intorno alle figure dei manager (“costano troppo?”) e sui grandi temi del momento (“contro l’innovazione”).

A Milano ieri sera la prima tappa ha visto riempirsi la sala del nuovo training center di CFMT (la scuola di formazione manageriale di Manager Italia). A dare un contributo in più al dibattito sono intervenute Sara Callegari (HR Director di Engie) e Samanta Todaro (HR Manager di Bally).

Ancora pochissimi posti sono disponibili per la tappa del 21 maggio al Museo Nicolis di Verona dove arricchiremo l’intervento di Giuseppe Morici con un intervento di narrazione a cura di Pensiero Visibile.

A tutti coloro che hanno partecipato chiediamo di raccontarci il loro punto di vista e lasciare un commento sulla serata (intendo sui temi discussi, non sulla qualità del buffet!)

per prenotare un posto a Verona: https://bravepersoneveneto.eventbrite.it

Noi di FiordiRisorse
http://news.fiordirisorse.eu/chi-siamo/

4 Commenti

  1. Partiamo dal clima per niente ingessato: tante persone messe in comunicazione, nuove relazioni, bella orchestrazione FdR. Morici ha illuminato un pensiero che dovrebbe diventare una linea guida per le aziende: mai dividere il manager dalla persona e soprattutto mai anteporre il marketing ai dovuti “perché” sul prodotto. Una bellissima rivalutazione della filosofia come motore dell’innovazione “al contrario”.

  2. Una bella serata piena di stimoli e belle persone, all’insegna della Diversity di Pensiero.

    Elisa forse la tua citazione “non dividere il manager dalla persona” queste due figure unite insieme lo chiamerei Leader, ossia colui che definisce e/o segue la rotta definita dall’azienda e fa crescere le persone.

    Feedback: Mi sarebbe piaciuto poter avere una sessione di domande/risposte con i protagonisti.

    Proposta di un prossimo Tema: come favorire la diversity di pensiero nelle organizzazioni, che è anche la base per favorire la cultura dell’innovazione

    Grazie ai protagonisti e a FdR per l’organizzazione

  3. Interessanti gli interventi di ieri sera.
    Da parte mia un invito a riscoprire i fondamentali dell’essere Persone inserite nel complesso sistema aziendale con skills da apprendere e trasmettere, teams da costruire, processi e procedure aziendali da comunicare affinchè non venga perduto quello che si costruisce assieme giorno per giorno in un ambiente dove passiamo gran parte del nostro prezioso tempo che purtroppo ultimamente vede protagonisti “one man show” e “yes man” con notevoli passi indietro per tutti.
    Proposta per un prossimo tema: la trasmissione del know how e della storia aziendale nella forte dinamicità del attuale contesto di mercato.
    Organizzazione dell’evento come al solito impeccabile.
    Alla prossima

  4. Una bella serata con persone che ti aiutano a pensare riflettendo su cose normali ma che normali non sono se riesci a prendere il tuo tempo.
    Pensare un atto fuori dagli schemi di oggi e forse fuori dal nostro modo di fare tutti i giorni sempre di corsa e sempre dietro alle urgenze
    Pensare che non siamo soli e che tutto quello che facciamo ha una conseguenza anche attorno a noi, e che se vogliamo rispetto dobbiamo anche essere capaci di darlo
    Pensare al capitale umano che dilapidiamo
    Ottima conduzione e bravi i relatori, un plauso anche alla parte relativa allo storytelling forse perché sono appassionato di formula uno

Lascia un commento