Comunicazione e MarketingCreatività e InnovazioneEventiIn evidenzamanagementNews

il Reloaded di FiordiRisorse: scomporre e ricomporre

356 visite
MUMAC_reloaded

Quest’anno il nostro reloaded è stato diverso.

Per chi non sapesse di cosa parlo, il Reloaded è uno dei 3 riti di FiordiRisorse. Uno di quei momenti dell’anno in cui tutti coloro che operano dietro le quinte di FiordiRisorse – a titolo assolutamente volontario – si ritrovano da tutte le regioni.

Se la #SummerFest è il momento della spensieratezza, la serata in cui ci godiamo uno spettacolo a bordo piscina e incontriamo vecchi e nuovi amici, la NottediNataleAnticipato è la cena di dicembre in cui ci scambiamo libri e consegniamo gli OscarRafoni (gli Oscar di Fiordirisorse), il Reloaded è il momento della riflessione.

Durante queste due giornate ci occupiamo di analizzare la nostra organizzazione, di valutare il lavoro svolto durante l’anno, di smontare e rimontare i nostri progetti per proporre sempre cose nuove e non ripeterci mai.

Perché è stato diverso?

Innanzitutto per la location. Normalmente ci vediamo a metà settembre al mare. Quest’anno invece abbiamo scelto un luogo più ispiratore: il MUMAC, il Museo della Macchina da Caffè de La Cimbali, che ci ha ospitato come veri amici e ci ha permesso di usufruire di spazi straordinari, luminosi, e di grande suggestione. Doveroso nominare Simona Colombo e Barbara Foglia, le padrone di casa che sono state con noi tutto il tempo a osservarci e a trascorrere il tempo comune. Con noi, come due di noi.

Ma la vera differenza è stato anche lo scopo di quest’anno : dopo un anno dedicato a studiare la nostra identità di gruppo, quest’anno lavoreremo sul modello organizzativo e sulla comunicazione. FiordiRisorse infatti si propone sempre come palestra per sperimentare nuove idee e nuovi modelli in cui, tutti coloro che fanno parte del nostro Gruppo Operativo, non solo fanno formazione affinché la si possa testare “in area protetta”, ma la si possa poi magari esportare nella propria azienda o nel quotidiano del proprio lavoro. In questo caso abbiamo deciso di appropriarci delle teorie di Paolo Bruttini e di farci guidare da lui nella trasformazione di FiordiRisorse in una Open Organization. Ovvero, quel modello di organizzazione fluida che le Imprese moderne stanno iniziando a studiare. Il futuro non è negli organigrammi

Il secondo obbiettivo di quest’anno è stato quello di aumentare la nostra consapevolezza nella comunicazione sui social e realizzare un piccolo video che racconti FiordiRisorse. Ci siamo affidati a Patrizia Grandicelli e Andre Bellomo di BeeFree che dopo una breve introduzione al ruolo di “ambasciatori della propria Azienda” (Brand Ambassador), hanno iniziato a lavorare con ognuno di noi, supportati da uno staff professionale di registi e operatori video, nonché dalla straordinaria Giulia Manelli che ci ha fotografati tutti, magistralmente, uno per uno, mettendoci a nostro agio.

Cosa ne verrà fuori lo sapremo solo fra qualche giorno e naturalmente lo renderemo pubblico. Sono convinto che sarà un lavoro ancora una volta straordinario, ma soprattutto sono stati due giorni di idee e di confronti che ci aiutano a crescere e a conoscerci e ad alimentare il nostro senso di appartenenza come in poche aziende si usa fare. Ma sarei presuntuoso se fossi io a decretarne il successo.

Invece sono davvero contento nel vedere che a poche ore dal Reloaded, siano stati due dei partecipanti a parlarne nei loro blog / siti / piattaforme:

Rossella Fava ha scritto su Pulse : 5 ottime ragioni per cui porsi le domande giuste in una organizzazione che vuole evolvere può fare la differenza #ReloadedFdR 2016

Andrea Buti ha scritto sul suo Blog: Open Leadership e Gestione dei Conflitti

Di certo, questo Gruppo sta continuando a far emergere personalità ed individui straordinari. Il fermento di idee non manca mai e dopo 8 anni continuiamo a trovarci insieme con la stessa forza ed energia, come se fosse il primo giorno. Quest’anno la terza novità è rappresentata dal team dei ragazzi del Veneto, ultima regione che è entrata a far parte dell’Universo di FdR da maggio. Un’altra iniezione di vitalità e di diversità che aiuta a comporre il puzzle di FiordiRisorse e a definirlo sempre meglio, mentre una piccola rappresentanza Piemontese inizia a spingere alle porte.

Chissà che il prossimo anno non ci veda allargare ancora i confini.

Lascia un commento