BelleCapocceIn evidenzaNews

La stagione di FdR è partita. Capitalizziamo?

12 commenti782 visite
bellecapoccetoscana

Il primo appuntamento di FiordiRisorse si è svolto ieri in Toscana. Venticinque “Belle Capocce” ospitate dal Mercato Centrale di Firenze si sono incontrate, in alcuni casi Re-incontrate, presentate e ognuno ha espresso i propri punti di vista in merito al motivo che le ha portate a dare il proprio contributo alla serata.

Su una cosa siamo tutti d’accordo: i valori di condivisione, trasparenza e necessità di interagire in modo aperto, apolitico e senza filtri è ancora una necessità per molti.

Dunque, dopo aver fatto un bel giro di presentazioni, Osvaldo Danzi ha presentato tutte le attività in corso nel mese di febbraio, gli obbiettivi del Gruppo e la volontà di rendere ogni regione sempre più autonoma nella gestione degli eventi e degli incontri di networking.

Un grazie dunque ad Alessandro Ippoliti, Francesco Tedeschi, Gianluca Landi, Brunello Menicucci, Alessandro Rosi, Adriano Salaris, Patrizia Quattrone, Stefania Zolotti, Enrica Gnoni, Marco Calvelli, Massimiliano Tolone, Beatrice Brialdi, Alessandro Cardini, Alessandro Sansavini, Giacomo Pierini, Pietro Mola, Giampaolo Pacini, Claudio Gasparri, Stefano Innocenti, Marco Poli, Alessandra Ragni, Daniela Chiru, Paolo dalla Latta, Alessio Lavacchi, Chiara Martini.

Useremo questo post come “contenitore” per ricordare le proposte venute fuori sera per sera per non dimenticarle e permettere ad ogni partecipante di commentare, proporsi, aiutare nella gestione degli eventi.

Prossime tappe: Padova, Ancona, Imola, Milano.

Noi di FiordiRisorse
http://news.fiordirisorse.eu/chi-siamo/

12 Commenti

    1. Ottima riflessione che condivido appieno!. Tutti a preoccuparsi delle competenze tecniche, verticali , al merito, sottovalutando quelle orizzontali e trasversali che, per una semplice legge della comunicazione hanno il loro bel peso. Ury è il mio mito personale. L’ho sentito a Vicenza ed ho letto molti dei suoi libri. Una classe a parte. Negoziamo tutti, tutti i giorni, ma quanti di noi possono dirsi esperti di negoziazione? C’è un bellissimo percorso personale da fare..

  1. Mio primo incontro con FiorDiRisorse
    L’impressione è stata buona e positiva anche se non ho potuto partecipare alla cena… sono dovuto scappare

    Sono soddisfatto per il clima, per i presenti, per le proposte e le sollecitazioni
    Per tutta l’operazione che reputo interssante

    Cordiali saluti
    Francesco

  2. Ciao a tutti,
    anche per me primo appuntamento con Fior di Risorse. Ho apprezzato tantissimo il clima informale e ho avuto la bellissima percezione della voglia di confronto, di proposizione e di scambio di idee. Spero di poter dare il mio contributo concreto e fattivo alle attività della community in Toscana.
    Piacerebbe anche a me approfondire l’argomento negoziazione.
    Un caro saluto a tutti.

  3. Ciao Osvaldo, come anticipato a Stefania ti propongo come testimonial per gli eventi sul lavoro ben fatto dei prossimi mesi, Giammarco Piacenti, amministratore delegato della Piacenti Spa: http://www.piacenti.org/it/
    É una persona molto semplice e tranquilla anche se hanno una storia secolare di restauratori. Io ci ho lavorato 2 anni in Palestina per la Natività.
    Se ti interessa ti mando il cellulare.

    PS. Lavorardo in Palestina si impara tanto anche sulla negoziazione…

  4. Buongiorno a tutti,
    La mia proposta riguarda la vostra bellissima iniziativa “I colloqui di lavoro in libreria”:
    – suggerisco L’Ora Blu come libreria perché organizzano spesso eventi, incontri a tema, presentazione dei nuovi libri insieme all’autore
    – vorrei portare al centro dell’attenzione un libro fresco di stampa “Cibo per draghi”
    – mi piacerebbe ascoltare ed incontrare i 3 autori (docenti ed esperti nel settore).

    Aggiungerei l’emozione dell’attesa per il Festival del Lavoro Nobìlita per augurarvi buon lavoro.
    Spero di rivedervi presto,
    Daniela

  5. Ciao a tutti,
    ho partecipato al Belle capocce di Padova. Mi è piaciuta l’atmosfera e come sempre l’approccio pragmatico.
    In questi giorni ho riflettuto su molti temi che mi piacerebbe poter contribuire a portare avanti. Al momento ce ne sono due che mi stanno particolarmente a cuore, provo a riportare qui un paio di riflessioni:
    1) Le aziende sono parte di un territorio, contribuiscono a modificarlo sia fisicamente ma anche e soprattutto a livello sociale e esse stesse sono influenzate dalla cultura che pervade il territorio. Per come sta evolvendo la società odierna penso che non sia più possibile ignorare questa osmosi e che le persone che fanno e vivono le aziende debbano prendere cosienza dell’importanza che questo comporta.
    A livello simbolico adoro la collaborazione che si è insturata fra l’Azienda Chinchio e il l’artista Tony Gallo nel restyling della loro sede di Padova o le giornate di aziende aperte.
    2) Sono stata felicissima di vedere l’approfondimento di Senza Filtro sulla Mindfulness, da alcuni anni lavoro sul concetto di consapevolezza, prima di tutto su me stessa. E’ il primo passo per operare il vero cambiamento in noi stessi in primis ma anche in azienda. Sarebbe bello portare delle esperienze concrete di questo approccio, soprattutto in un territorio come quello veneto in cui ancora c’è un atteggamento per cui prima devono venire i risultati poi il cambiamento o peggio ancora dobbiamo trasformare senza cambiare nulla.
    Buona giornata a tutti.

  6. Ho partecipato alla serata di Ancona. Incontro stimolante e piacevole.
    Più che di temi, sicuramente visto che siamo almeno un paio di ascolani o pseudo-tali (io) butto li la proposta di organizzare qualcosa ad Ascoli o San Benedetto. Il territorio è sicuramente tra i meno frizzanti delle Marche, a causa ma non solo della coda lunga del terremoto, per cui un bell’evento può avere sicuramente un buon riscontro!
    Grazie a tutti e a Francesco che ci ha ospitati (a proposito, cosa c’era prima li???)
    SARA

  7. Ho partecipato al Belle Capocce Emiliano Romagnolo a Imola. Dovevamo essere un piccolo gruppo e ci siamo trovati quasi in trenta, venuti anche da lontano. È diventato un evento per conoscerci e ri-conoscersi alla maniera di FdR, in modo informale e intorno alla tavola. Abbiamo tanti progetti nel cassetto (design thinking, robot e il lavoro che cambia, cyber security..), che non aspettano altro che essere messi in pratica. A presto, dunque, per il prossimo incontro che sarà operativo! Simona

  8. Presente al Belle Capocce Toscana (da new entry) e Marche (è lì che sono nata in questo network): mentre teniamo accesi i motori per Nobìlita, rilancio anche qui quanto detto a Firenze e Ancona.

    1. creare un gruppo che voglia riprendere il filo dei “Colloqui di lavoro”: per chi non conoscesse la rassegna dello scorso autunno, linko qui. Ci piacerebbe trovare spazi – non necessariamente librerie, troppi vincoli di vario genere – in città che ancora non li abbiano ospitati. Serve mettere insieme 4/5 persone che abbiano buona sensibilità sui temi e corde giuste. Massima disponibilità a orientare chi volesse far parte del gruppo. Propongo di creare un gruppo su Slack: #Colloqui di Lavoro.
    http://www.informazionesenzafiltro.it/rubriche/colloqui-di-lavoro/

    2. imbastire un evento FdR sul whistleblowing, tema che a breve sarà il prossimo tormentone: una community come FdR dovrebbe sempre più prendersi la responsabilità di investire sui temi che fanno da scenario ai dibattiti futuri, anticipando un po’ i tempi e offrendo basi serie di riflessione.

  9. Sono stata al Belle Capocce Veneto felice di rivedere persone toste e di conoscerne di nuove! Pronta per dare un contributo per far crescere la rete, sviluppare progetti, esplorare la conoscenza, aggiungetemi su Slack e appena faccio ordine fra le idee condividerò con voi il mio amore per le nuove sfide :-)

Lascia un commento