businessNews

Padoan: "La produttività dipende dagli imprenditori e dal luogo di lavoro che sanno creare". Siete d’accordo?

336 visite
MusterStampa

Questa estate, nell’ambito di un incontro, il ministro Padoan ha rilasciato una dichiarazione che è passata totalmente inosservata dai media, ma che riteniamo invece che abbia un grosso impatto culturale per le imprese e soprattutto per i loro dipendenti.

In pratica il Ministro del Lavoro ha affermato che il livello di produttività non dipende dai lavoratori, ma dall’ambiente di lavoro e dagli stimoli che gli imprenditori sanno creare all’interno delle loro aziende.

Noi vorremmo sapere cosa ne pensate e per questo abbiamo lanciato un piccolo sondaggio i cui risultati invieremo direttamente alla Segreteria del Ministero.

Ci date una mano?

Estratto dell’intervento del ministro dell’economia Pier Carlo Padoan al Meeting di CL del 26/08/2015

La produttività è una cosa un po’ strana, si misura spesso in un modo non chiaramente osservabile. Però può essere interpretata in vari modi. Dire che un Paese è un Paese a bassa produttività – ed è vero che l’Italia lo è se si guarda soprattutto ai dati aggregati – quasi meccanicamente porta con sé un giudizio mi verrebbe da dire etico:  un paese a bassa produttività è un paese di fannulloni, un paese in cui la gente non lavora, in cui imbroglia… paradossalmente è esattamente vero il contrario! 

In Italia, e questo si può andare a vedere scavando nei dati, la produttività è lo sforzo, il risultato che viene dallo sforzo, del lavoro è spesso basso non perché gli italiani – a qualunque tipo di mestiere si applichi questo ragionamento – lavorano poco. Ma perché lo fanno in un ambiente e in un contesto d’impresa a volte insufficiente. 

Ecco perché ci vogliono le riforme, per rendere più facile la vita di chi si impegna a produrre. L’aumento di produttività è il risultato ad esempio  di più investimenti, di più innovazione, di miglior capitale umano. E qui torno ad insistere su questa questione: l’Italia – come altri paesi europei è una società che invecchia dal punto di vista demografico in cui il peso delle generazioni in avanti con gli anni è preponderante rispetto alle parti più giovani della società (e da questo punto di vista l’immigrazione è un potente elemento positivo). In una società del genere come si cresce? 

Si cresce con più produttività attraverso più investimenti e più innovazione. Ma l’innovazione che cos’è? E’ utilizzare in modo diverso e nuovo conoscenza che già si ha e produrre nuova conoscenza. E io qui dico una cosa che sicuramente il presidente del consiglio dice continuamente: c’è un enorme ricchezza di conoscenza passata e di conoscenza potenziale futura che questo paese ha. Se la mobilitiamo nel modo giusto la produttività aumenta, la crescita aumenta e il benessere aumenta. 

Dunque da dove bisogna partire? Dal fatto che – e questo lo dico dal punto di vista del governo – che bisogna mettere questo enorme potenziale di conoscenza nelle migliori condizioni di operare. Ecco perché il grande sforzo è quello di migliorare l’ambiente, di introdurre le riforme, di cambiare la vita di tutti i giorni dalla pubblica amministrazione alla giustizia alle relazioni industriali alla scuola. 

Perché con un ambiente più favorevole, con strumenti più efficaci e più flessibili d’investimento l’enorme sforzo di attività che ciascun individuo pone nella sua attività in questo paese verrebbe moltiplicato in termini di risultati

Per partecipare al sondaggio, clicca qui

Noi di FiordiRisorse
http://news.fiordirisorse.eu/chi-siamo/

Lascia un commento