In evidenzaMUSTerNews

MUSTer: una scelta di pancia

207 visite

Una scelta di pancia … mi piaceva l’idea in sé.

Ho deciso quando me ne hanno parlato Alessandro ed Emanuele (miei colleghi di lavoro) con entusiasmo.

Io che sono curiosa da sempre, razionale, tecnica e allo stesso tempo amante dell’arte in qualsiasi forma, dal loro racconto ho intravisto le potenzialità per accrescere le mie competenze. Ho compreso che attraverso le esperienze di altre persone … attraverso i loro occhi potevo nutrire il mio cervello.

Così è cominciata l’avventura partendo dalla città dei Dogi con l’AGILE Business Day … e poi a seguire entrando nelle realtà aziendali grandi, medie, piccole … tutte accomunate da un unico fil rouge … le persone.

Io sono entrata in punta di piedi ascoltando e assorbendo i racconti, le esperienze, i percorsi di coloro che si sono messi in gioco parlando del loro lavoro, delle sfide non sempre vincenti che avevano affrontato o che stavano affrontando, raccontando in fondo sé stessi e … ne sono rimasta affascinata, mi sono riconosciuta.

Mese dopo mese partecipare a quelle giornate, entrare in mondi così apparentemente avulsi dalla mia attività lavorativa ma in realtà così concatenati alla mia quotidianità, mi ha permesso di portare quello che apprendevo di volta in volta all’interno del mio lavoro, della mia organizzazione, della mia famiglia.

Un anno intenso di crescita personale che ha riguardato sia le competenze tecniche che quelle trasversali: Agile, Lean office, Lean thinking, Identità di Brand, Lean Transformation, Passaggi generazionali, Sostenibilità, Leader­ship, Lean Sales, Ricambio generazionale, Tra­sferimento della conoscenza, Trasformazione digitale attraverso le piattaforme e attraverso le persone, Design Thinking, Customer Care, Trade Marketing il tutto passando da Nobìlita 2019 (il Festival della Cultura del Lavoro) e dalle 5 tappe di presentazione di libri sul lavoro, all’interno di contesti aziendali unici (uno su tutti il Mambo a Bologna) e di confronti unici tra scrittori, manager, sindacalisti, sociologi, filosofi, istituzioni… insomma lavoratori.  

Questo rende unico il MUSTer di FiordiRisorse e voglio dire grazie a tutti coloro che hanno contribuito a trasformare una visione in una realtà concreta e in continua trasformazione.

Penso che il messaggio più importante sia proprio questo … il MUSTer di FiordiRisorse non è solo apprendimento è, se si ha la capacità di essere aperti, etici e trasparenti, una opportunità per dare un contributo concreto a chi ci circonda perché di fatto noi siamo esseri sociali.

Lascia un commento