EventiNews

Nel mondo riformato, FdR promuove il “Premio Raffaello, eccellenze del Made in Italy”.

2 commenti1057 visite

Eh, sì! Che il mondo sia cambiato ce ne siamo accorti tutti!!!.
Ma non basta solamente esserne consapevoli: è necessario che tutti ci si impegni a comunicarlo, trasferendo valori quali trasparenza, deontologia, buon-senso e networking!
Ecco perché FdR, dopo essersi inventato il premio “Sua Eccellenza …le PMI” [che due mesi fa ha individuato delle vere chicche d’impresa], ha accettato di divenire oggi media partner dell’ITPI (Istituto per la Tutela dei Produttori Italiani) per dar rilievo ad una nuova iniziativa che è il “Premio Raffaello: Eccellenze del Made in Italy”.

Il blasonato Made in Italy, ha sicuramente bisogno di un ciclo di rinnovamento e di trovare altre vie per dar valore alle idee e al pensiero tipicamente italiano.
Tanti si stanno muovendo in tal senso: per esempio dal 1°giugno, la Fondazione Valore Italia, in un contesto condiviso fra il Ministero dello Sviluppo Economico, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, renderà l’intero Palazzo della Civiltà Italiana sede dell’Esposizione PERMANENTE del Made in Italy e del design italiano.
Ed anche lo stesso Ministro per la Pubblica Amministrazione e l’Innovazione, anche se non cita l’etichetta “Made in Italy”, lo scorso anno ha istituito il “Premio dei Premi” con l’obiettivo di valorizzare e sostenere le migliori capacità innovative e creative di aziende italiane, università, amministrazioni pubbliche, enti o singoli ideatori.

Ma qui, col “Premio Raffaello: Eccellenze del Made in Italy”, la questione è differente!
A proporre l’iniziativa c’è l’ITPI, l’istituto che ha elaborato numerose proposte di legge per l’individuazione delle produzioni INTERAMENTE italiane, come il 100% MADE IN ITALY che va a premiare chi si distingue nella Tutela,Valorizzazione e Promozione del Made in Italy.
E non si tratta di campanilismo o di lotta contro la delocalizzazione. Qui si tratta di TRASPARENZA nell’etichettare ed individuare quei prodotti che, per ovvi motivi legati al costo del lavoro, non potrebbero competere con quelli importati da paesi dalle economie emergenti…
E soprattutto, qui si tratta di conservare-difendere nel nostro territorio i geni della cultura tipicamente italiana, che hanno posto l’Italia ai vertici dei mercati internazionali e l’hanno consacrata in tutto il mondo come un marchio di qualità.

Le categorie di eccellenza del Made in Italy individuate, per le quali si possono candidare enti, aziende, imprese, gruppi o singoli pensatori o imprenditori , sono: Imprenditoriali e Professionali, Pubblica Amministrazione, Comunicazione, Distribuzione, Formazione, Creatività ed Ospitalità. L’introduzione di queste ultime categorie , segna il passo dell’evoluzione dal materiale all’immateriale, cioè dal prodotto al servizio o al processo; valore alle idee e al pensiero piuttosto che al prodotto.
Ed anche qui, come in “Sua Eccellenza la PMI” il genio italiano viene individuato e promosso attraverso il networking: per partecipare a questa edizione del premio, chiunque può segnalare delle candidature (specificando la categoria di eccellenza) compilando la scheda sul sito www.premioraffello.it entro e non oltre il 9 luglio 2010.
Questa è sicuramente una grande opportunità che non è concessa negli altri premi.
Chi meglio di noi di FdR può dare dimostrazione della forza e della qualità del network??
Quindi forza, partite con le segnalazioni… Avete solo l’imbarazzo della scelta!!! www.premioraffaello.it

2 Commenti

Lascia un commento