#FdRSummerFestIn evidenzaNewsNewsletter

Di festa, di grano, di guerra

4 commenti410 visite

La tredicesima festa di FiordiRisorse è andata.

Dopo due anni in cui siamo stati costretti a vederci ad intermittenza e a rinunciare ad uno dei nostri riti più importanti – la festa, per l’appunto – quest’anno è stato bello vedere facce “antiche” e facce nuovissime.

È stata una festa sui generis; voglio raccontarla per chi non c’era, ma stimolare anche qualche riscontro e qualche risposta da chi invece era presente. Capire se vi aspettavate qualcosa di diverso e più simile alle feste passate o se anche per voi questa festa ha rappresentato un passo avanti per la nostra community sul tema della consapevolezza.

Perchè forse “consapevolezza” è stata la parola chiave della serata.

Naturalmente non è mancato il posto bello e il cibo buono che sono da sempre il filo conduttore delle SummerFest di FiordiRisorse; ma credo che stavolta ci siamo davvero superati a giudicare da quanti si sono avvicinati durante la serata per confermarcelo.
Non è mancata la musica, rigorosamente anni 80-90 che ci ha permesso di socializzare anche “culturalmente”!

Ma quest’anno abbiamo aggiunto un momento iniziale di riflessione che non riguardasse strettamente il management o il lavoro, come abbiamo fatto negli anni passati, anni più leggeri in cui abbiamo ospitato comunicatori, pubblicitari, ispiratori.

C’è a mio avviso bisogno di prendere ancora una volta posizione che è la cosa che meglio riusciamo a fare senza voler imporre un punto di vista, ma con l’intenzione di far scattare un dibattito interiore in cui, lontani dai giornali, lontani dall’opinione pubblica, ascoltando due testimonianze “sul campo”, si potesse riflettere insieme, ascoltare, domandare e tornare a casa con un’opinione – finalmente – propria.

Abbiamo fatto una cosa coraggiosa che credo nessuna associazione, in nessuno dei numerosi aperitivi estivi di questo periodo, possa permettersi di fare: abbiamo avuto cura delle nostre Belle Capocce.

A mio avviso è stato fondamentale per una Community manageriale, invitare un personaggio come Andrea Gherpelli che il grano e le farine le conosce bene, da ingegnere le studia e da contadino le coltiva e le produce, farci spiegare quello che non conosciamo più: come si riconosce il grano vivo e come si produce una farina.

Ma non stiamo parlando di un argomento tecnico. Stiamo parlando di conoscere la differenza fra lo scaffale di un supermercato e il lavoro di un produttore; i suoi costi e di conseguenza capire cosa ci sta succedendo intorno: quanto sia frutto di speculazione e quanto ci sia di vero nella narrativa della crisi.

Qui puoi riascoltare l’intervento di Andrea Gherpelli

Importante è stato anche potervi presentare Simonetta Gola che da tanti anni lavora con la guerra e con gli uomini, con ospedali in cui la politica non ha mai creduto (o voluto), con la retorica del nemico e della “guerra per portare la pace”.   

Non è un argomento semplice per una festa nè tantomeno per una Community di business, ma è un argomento fondamentale per la nostra parte umana, civile, etica di uomini e donne. Se avrete voglia, leggete il libro in cui Simonetta ha raccolto i pensieri di suo marito Gino Strada, o riascoltate la diretta dell’intervista che le ho fatto alla festa.

Ci rivediamo a settembre: riprenderemo Scuderia Formazione, le attività nelle singole regioni a cui quest’anno abbiamo aggiunto il Lazio, stiamo già lavorando a Nobilita per marzo 2023 a Roma, a ottobre sapremo se potremo riprendere il MUSTer e in più coinvolgeremo i nostri soci in un primo video “by FiordiRisorse” molto divertente sulla Cultura del Lavoro, a settembre rifaremo il  “Reloaded” in cui insieme a chi vorrà partecipare smonteremo e rimonteremo FdR in un posto bellissimo e vicino ai nostri valori, fra novembre e dicembre uscirà un nuovo numero di SenzaFiltro in carta ed ossa, e per la prossima estate ci sarà un nuovo format “estivo” su cui lavoreremo in autunno.

Stare in FiordiRisorse è un modo diverso di stare.

Buona estate a tutte e tutti.

4 Commenti

  1. Grazie per l’impegno e la passione con cui portate avanti la community e tutte le attività. Per me è stata la prima volta e non sarà l’ultima: è stata davvero una bellissima serata.

  2. Osvaldo, buon giorno!
    Ho letto tutto di un fiato. Ogni tua parola è densa della tua missione ed è molto emozionante leggerti. Grazie a te le persone diventano più consapevoli e cominciano a crescere i numeri che spingeranno al cambiamento.
    Non credo ai politici, penso che la salvezza sia solo nelle nostre mani.
    Grazie ancora per quello che fai!
    Quando la mia situazione familiare si stabilizza (finalmente saremo insieme con mio marito), potrò partecipare più attivamente ai vostri eventi ed iniziative.
    Buona giornata!

Lascia un commento