In evidenzaNewsRisorse Umane

Pagare i colloqui di selezione. La differenza fra “reato” e “carenza di informazione”

4 commenti2432 visite

Sembra che d’estate gli stupidi facciano concorrenza ai girasoli.

Un paio di anni fa ci eravamo occupati del caso di Alessandro Proto che con la sua Proto Consulting dalla Svizzera (!) faceva pagare i colloqui di selezione ai candidati; in seguito alla nostra segnalazione Proto ha ritenuto necessario intrattenere con noi un forbito scambio epistolare assolutamente in linea con l’elegante personaggio che lo ha portato poi nel giro di pochi mesi a raccogliere una serie di diffide prima da parte dei suoi “presunti clienti” (il buon Proto scomodava da George Clooney al Torino Calcio, in quelli che erano evidenti deliri notturni che la nostra stampa amava riportare per dovere di cronaca) e di denunce poi da parte dei suoi stessi dipendenti.

Questo non gli ha impedito naturalmente, di presentarsi alle scorse elezioni con una lista tutta sua, paragonandosi al miglior Berlusconi dei tempi che furono.

Quest’estate la palma d’oro va invece al Titolare (il nome non lo conosciamo, non risulta..) della SME CONSULTING a cui ho pensato di fare una telefonata dopo che su Facebook alcuni amici mi hanno segnalato la presenza di questo trafiletto all’interno del sito per una ricerca di figure per un cliente che opera su mercato cinese :

A seguito di “Comunicazione” da parte della SME CONSULTING Srl di accesso alla selezione,il Candidato procederà, pena esclusione dalle procedure di selezione, entro 10 giorni dal ricevimento, al versamento della quota richiesta per la partecipazione pari ad €. 70,00 + IVA 21%, (per totale €. 84,70), a titolo di contributo per le spese di selezione, a mezzo di bonifico alle coordinate bancarie indicate nella comunicazione stessa. 

“Le selezioni si svolgeranno di SABATO o di DOMENICA, con le seguenti modalità:

– ore 09,30 / 13,00.
Presentazione della Società – Servizi offerti – Caratteristiche e tipologia del Cliente tipo – Mercato estero di interesse (CINA)”

Dopo la mia telefonata, la pagina è sparita, ma preventivamente, l’avevo salvata.

Siccome da anni, a differenza delle associazioni della nostra categoria che oltre a prendere qualche centinaia di euro per la tessera altro non fanno, contatto immediatamente il titolare di SME, il quale, con un paio di mosse a metà fra i carpiati della Cagnotto e le migliori evoluzioni di Yuri Chechi, mi trascina in un dialogo che neanche Alessandro Bergonzoni riuscirebbe ad immaginare:

1)”No, non ha capito” I 70 euro sono per il pernotto e la cena dei candidati”. “Si, ma dove sta scritto?” “Lo avremmo detto ai candidati una volta che si fossero presentati”.

peccato che il sito recita così:
“- ore 15,00 / 18,00.
Aspetto economico, condizioni, prospettive del rapporto di lavoro – test attitudinale e valutativo del candidato.” Quindi, a meno che a Teramo non si ceni all’ora della merenda e si vada a dormire con i polli…

ma prosegue l’allegro dialogo:

2) “Lo sa che è illegale far pagare i candidati per una ricerca di lavoro? In Italia la mediazione è illegale e i candidati non pagano” “Ma questa non è intermediazione, è una ricerca interna, per una manifestazione” “Veramente si parla di un cliente che opera su mercato cinese..” “Si, ma poi non se n’è fatto più nulla…”

3) “Guardi che se io vengo preso con le mani nel sacco a rompere la vetrina di una gioielleria e poi dico che tanto ci avevo ripensato, non è che il reato non sussiste” “eh, adesso non la metta giù così dura.. reato!!.. Si tratta solo di carenza di informazione!!”

La pagina, dice anche espressamente: “La selezione è a titolo oneroso”

Io spero di cuore di finire in tribunale un giorno di questi, per 3 motivi:

1) guardare in faccia questi personaggi e vedere che cosa s’inventano di fronte all’evidenza

2) testimoniare che non ci sono brutti recruiters, ma gente attrezzata male (cit. rivisitata)

3) testimoniare che in questo Paese i nomi e i cognomi ogni tanto e pure spesso, vanno fatti, se si vuole cambiare qualcosa!

4 Commenti

  1. Voglio sperare che certe “genialate” siano colpa del caldo… Ora, al di là di tutto: 4 ore di presentazione? E una volta assunto, cosa rimane da raccontarmi? Spese per pernotto e cena? E se io ho amici in loco? (che poi voglio sapere se per caso i posti scelti per pernotto e cena siano “partner” in questa iniziativa)

    Chiedo una cosa a chi leggerà: non usciamo con i soliti commenti “all’estero le spese per la selezione le RIMBORSANO al candidato”, “la selezione è davvero caduta in basso” etc…

    Questa, è una semplice “truffucola”, chiara e semplice.

    Anche se potrà suonare retrò, voglio commentare soltanto “Vergogna”.

  2. Meno male che ancora abbiamo persone con un briciolo di professionalita’ , grazie Osvaldo, per favore non cambiare mai. Soprattutto ora che abbiamo scoperto l’Osvaldo Furioso….scherzi a parte e’ veramente da delinquenti in un momento come questo approfittare di chi si trova in difficolta’.

Lascia un commento