News

Il MUSTer di FiordiRisorse parte da Loccioni

6 commenti767 visite

Passi una giornata in Loccioni e la prima domanda che ti viene spontanea è: ma perchè questi qui non hanno fatto gli albergatori?

Si, perchè l’accoglienza è sicuramente fra le caratteristiche peculiari di un’azienda che di fatto è “molto meccanica”. Automotive, energie, medicale.. tutti fronti tecnici in cui il Gruppo Loccioni ha saputo emergere da un paese tanto piccolo quanto poco geolocalizzato: Angeli di Rosora. E non credo di sbagliarmi nell’affermare che tutti noi che abbiamo avuto la possibilità di vedere l’azienda dal suo interno, con le porte assolutamente spalancate e vivere l’entusiasmo e l’energia che Renzo, Fabrizio, Anna Paola e Sonia ci hanno saputo comunicare, Loccioni sia stata un’autentica sorpresa.

Intanto definiamo “entusiasmo” ed “energia”: non quella falsa autoreferenzialità e l’opaco aziendalismo che si respira in tante aziende dove i dipendenti che presentano l’azienda cominciano ogni frase con un “NOI”.. Ma un vero e proprio scambio culturale con chi non ha alcuna paura di far conoscere i segreti di un successo che deriva prima di tutto dalla volontà di far stare bene le Persone all’interno della propria azienda, coinvolgerle e “provare” ogni giorno “provare a fare qualcosa di nuovo”.

Abbiamo pubblicato le foto della giornata per testimoniare a chi non era con noi come abbiamo deciso di impostare questo MUSTer e spero che i partecipanti possano confermare le mie parole. Abbiamo condiviso un modello organizzativo, abbiamo intervistato Enrico Loccioni il creatore di questo piccolo miracolo industriale e Renzo Libenzi il direttore generale e ci siamo fatti accompagnare dentro le aziende. Con Fabrizio Pieralisi, Sonia Cucchi e Maria Paola Palermi abbiamo analizzato gli aspetti organizzativi, le loro modalità di intervento sulle persone, sulle decisioni. Abbiamo giocato insieme cercando di capire perchè si definiscono una “play factory” e forse, lo abbiamo capito.

Il valore di un Master come questo parte prima di tutto dal presentare aziende che abbiano voglia di farsi guardare dentro, che non abbiano segreti inconfessabili o brevetti sulle idee organizzative; che credano che dallo scambio di intelligenze e di culture si possa migliorare ogni giorno.

I prossimi due moduli sono previsti per l’11 e 12 gennaio rispettivamente in Indesit e Elica. Il programma aggiornato è scaricabile qui

6 Commenti

  1. Loccioni è una bellissima azienda, e anche le altre due, Indesit ed Elica, che andrete a visitare, hanno vinto premi a livello nazionale e iinternazionale per Eccellenza nella Qualità e nell’Innovazione. Visitare queste realtà dà orgoglio e soddisfazione, e ci ricorda che in Italia sappiamo costruire realtà di vero valore!

  2. Il debutto in società del nostro MUSTer è stato anche un bel modo per mettere insieme tutti noi che veniamo da regioni diverse ed esperienze mai sovrapponibili: il melting pot di FdR è stato più che tangibile in ogni momento della giornata.
    Credo che un qualsiasi corso o master abbia proprio nella diversità (di provenienza, di professione, di progetti e di desideri) la sua vera e irrinuciabile ricchezza.

    Quello in Loccioni è stato un modulo di benvenuto, sicuramente originale. Magari meno tecnico di quello che molti mediamente si aspettano dalla “lezione” di un master.
    Mi viene invece da pensare che il Gruppo Loccioni ci abbia dato una grande “lezione”: cioé che non serve sempre la gerarchia per far funzionare un’azienda, che la circolarità delle idee vale molto più di qualche zero in fatturato, che per lavorare bene bisogna starci bene nei luoghi di lavoro, che le riunioni sono momenti di creatività nel senso più ampio del termine.

    Conoscere mondi così sani inizialmente quasi crea disturbo alla nostra coscienza: l’incredulità è la prima reazione.
    E invece è tutto vero, facciamone tesoro.

    Vi aspettiamo ai prossimi moduli del MUSTer (ma voi non aspettatevi più il saluto di fine giornata a base di crescia, ciauscolo, pecorino e prosciutto al coltello davanti al caminetto).

  3. Non si può certo dire che il Muster non abbia delle caratteristiche innovative, almeno per quella che è la mia esperienza nel campo della formazione….
    Utilizzare le aziende come “testimonial” – come nel magnifico caso della Loccioni – sembra essere un’ idea che funziona, il classico caso che ti fa dire “perché non ci ho pensato prima…”
    Dopo la prima giornata demo questo master rischia di essere
    Coinvolgente: in quanto permette ai partecipanti di toccare con mano le esperienze reali di aziende eccellenti
    Stimolante: aziende diverse, location diverse, giornate ciascuna con una propria identità. Rischio di ripetizione basso
    Divertente: nuove location, nuove persone, nuove situazioni…da condividere insieme
    Intrigante: la conoscenza di belle esperienze altrui impone paragoni con la propria realtà…

    Insomma, a me la formula piace.
    Ma come ogni cosa in rodaggio qualche bullone da stringere e da regolare e’ necessario, allora mi piacerebbe che la parte pratica fosse affiancata da una solida parte teorica, come del resto esplicitato nel programma, che si possa rapidamente creare un gruppo unito e partecipativo tra gli iscritti, che tra un’ incontro e un altro ci sia comunque un contatto, un filo conduttore e non soltanto un arrivederci alla prossima puntata e che i materiali messi a disposizione siano tanti….
    Insomma, come ho già detto, questa formula mi piace…mi piace troppo?

  4. Dell’Azienda pulita dentro.

    Mi ci è voluto un po’ per metabolizzare la prima giornata del MUSTer di Fiordi Risorse (il Master, per chi pensa “vintage”) !
    Perché non appartiene al quotidiano trovare un’Azienda come Loccioni, dove il principio della convivenza civile (raro assai) si mescola alle buone pratiche, dove un approccio “smodatamente” ecosostenibile fa il paio con il rispetto e un’etica rigorosamente “autentica”. Ricorda la Semco brasiliana di Ricardo Semler.
    Cominciare un percorso accademico come questo da quest’Azienda … Anzi no, Impresa, ti mette d’animo buono, fa piazza pulita di pregiudizi e luoghi comuni, predispone all’apprendimento.
    Avviare un’attività complessa di formazione come il MUSTer di FdR da una realtà come la Loccioni, dove lavorare significa – senza timori – anche un po’ divertirsi a far bene quello che si sa fare, è una sana lezione a chi predica l’aziendalismo a tutti i costi, a chi talvolta dietro cravatte e interminabili riunioni nasconde una finta responsabilità sociale.
    La prima lezione è che il successo di un’Impresa nasce dal coinvolgimento di tutti i dipendenti, che “ci mettono la faccia dal primo giorno”, in un processo fatto d’innovazione e insoliti criteri organizzativi (per chi non ci ha mai pensato) … Un po’ come Fiordirisorse !
    Grazie a Enrico Loccioni, per la sua ospitalità innata e l’amore per il nuovo, il bello, il vero e a tutti i suoi collaboratori, i suoi instancabili compagni di viaggio !

  5. Gruppo Loccioni è stata un’esperienza importante.. c ho lavorato per un pò e la consiglierei a tutti i giovani che si approcciano per la prima volta al mondo del lavoro..

  6. RENZO LIBENZI RACCONTA “IL MODELLO LOCCIONI: OPEN COMPANY E TALENTI”.
    Chi avesse perso la lezione di Renzo Libenzi durante il 1° evento del master, o semplicemente chi volesse riascoltare i concetti espressi dal General Manager sul modello della sua azienda, può godersi il video sul suo intervento al Top Management Forum di due edizioni fa, disponibile sulla piattaforma Collaborative Learning del master MUSTer come Teaching Materials del modulo 1 – “Uno sguardo al futuro – OPEN DEMO del MUSTer che verrà”

Lascia un commento