Uncategorized

Luisa Ruggiero – quando l'HR è un Business Partner

320 visite

FdR: iniziamo con le presentazioni.
LR:
Luisa Ruggiero, abruzzese, laurea in Psicologia alla Sapienza di Roma, Master ISDA in Risorse Umane, oggi Specialista di Organizzazione per Honeywell Transportation Systems.

FdR: Tutto molto complesso.
LR:
In effetti Honeywell è una realtà estremamente complessa; multinazionale che si articola in quattro divisioni una di queste è Transportation Systems, legata al settore automotive. Difficile da spiegare perchè il business in termini di organizzazione cambia continuamente. Oggi il gruppo Transportation Systems comprendeTurbo Technologies con i suoi turbocompressori Garrett® e sistemi termali, Consumer Products Group con i prodotti per la cura dell’auto, e infine Friction Materials, fornitore mondiale di materiali per frizione e prodotti per freni con marchi Bendix® e Jurid®. Io attualmente faccio parte del centro di eccellenza denominato OE (Organization Effectiveness) che si occupa delle attività di Organizzazione, Talent Management, Sviluppo e Formazione per il business group Transportation Systems.

FdR: In cosa consistono i Centri di eccellenza?
LR
: In Honeywell circa 2 anni fa è cominciata la funzionalizzazione che ha previsto la creazione di centri di eccellenza per le maggiori pratiche HR (Relazioni Sindacali, Compensation & Benefit, Staffing e OTD & Learning). Il focus di queste organizzazioni sta nella creazione di processi di eccellenza che andranno poi standardizzati a favore di tutte le divisioni.

FdR: Che percorso bisogna svolgere per ricoprire questo ruolo?
LR:
Sono arrivata a ricoprire questa funzione per gradi: sono entrata in azienda in seguito al Master in qualità di stagista, prima 3 mesi, poi altri 3, poi ho ricoperto il ruolo vacante di HR Generalist all’incirca per tre anni. Poi, quando hanno creato i centri di eccellenza, sono stata incaricata di seguire la formazione e poi lo sviluppo dei talenti.

FdR: Che strumenti usi per la rilevazione delle Performance e per il Talent Inventary?
LR:
In gran parte strumenti implementati dalla casa madre, customizzati per Honeywell che riguardano la valutazione in termini di potenziale, di obiettivi, punti di forza/debolezza, attività di miglioramento. Il nome è Honeywell Performance Development. Per lo staffing invece utilizziamo TALEO, uno dei più famosi.

FdR: Com’è considerata la figura HR in Honeywell?
LR:
Tanto. L’idea del Direttore del personale che si occupa solo di processi HR è ormai desunta. Oggi chi lavora in HR deve lavorare fianco a fianco con il business e supportare le strategie aziendali attraverso la gestione del capitale umano. Proprio per questo anche la denominazione usata per i direttori del personale è cambiata: HR Manager è stato sostituito dal termine HR Business Partner.

FdR: Invece come descriveresti il tessuto imprenditoriale abruzzese?

LR: La situazione delle imprese in Abruzzo è molto legata allo sviluppo di piccole e medie imprese, spesso padronali. I talenti si trovano per conoscenza. In questo Honeywell si differenzia molto dal contesto, così come anche un’altra realtà importante come SANOFI AVENTIS. Le aziende del territorio, si appoggiano molto anche ad Assoindustria per la ricerca di personale.

FdR: IN che modo Honeywell si differenzia dal contesto industriale?
LR:
In Honeywell, premetto, in questo periodo non si sta assumendo personale dall’esterno, si utilizza però viene il sistema di job posting interni nel quale vengono pubblicati tutte le posizioni libere in Honeywell a livello globale. In passato per ricerche esterne si è utilizzato Monster o providers come Michael Page. Le società di Lavoro Temporaneo in generale non sono ritenute molto affidabili e in ogni caso non sono di riferimento per questo genere di figure più qualificate. Forse per reticenze culturali o anche perchè chi rappresenta queste società non pensa ad elevare la qualità e si ripropongono dinamiche e processi legati al territorio ben note a carattere locale. E’ difficile trovare persone e processi più elevati.

FdR: Perchè hai deciso di aderire a Fior di Risorse?
LR:
L’Abruzzo è una regione molto decentrata dove è difficile far trapelare il concetto di network. Le associazioni di categoria per fortuna stanno cominciando a muoversi ma, allo stesso tempo, sento la necessità di confrontarmi anche con professionisti che magari escono allo scoperto grazie a siti come LinkedIn, e che magari sarebbe impensabile conoscere direttamente sul territorio. Credo molto nel network e nello scambio di knowledge attraverso questo tipo di rete.

Lascia un commento