EventiIn evidenzaNews

Tutti i libri dell’Aperilibro2024

34 commenti2046 visite

L’Aperilibro di FiordiRisorse è ormai un “format” consolidato che quest’anno, da dicembre a marzo utilizzeremo – in contemporanea ad altri incontri – per facilitare la conoscenza fra le Persone della COmmunity che ci raggiungeranno.

Si arriva con un libro che conosciamo, ne leggiamo qualche riga o anche solo spieghiamo come mai abbiamo portato proprio quel libro e poi lo regaliamo a qualcuno che non conosciamo.

Tutti gli appuntamenti dei prossimi Aperilibri sono consultabili qui.

Usiamo i commenti a questo articolo per dire:
1) a quale aperiliobro avete partecipato
2) che libro avete portato
3) che libro avete ricevuto

Sarà utile per recuperare i nomi e rimanere magari in contatto con le Persone da cui abbiamo ricevuto il libro, per ricordare qualcuno o qualcuna che ci aveva incuriosito durante la serata o anche solo per suggerimenti su altri libri visti durante gli incontri.

Scatenatevi!

Noi di FiordiRisorse
https://news.fiordirisorse.eu/chi-siamo/

34 Commenti

  1. Ciao ho partecipato all’Aperilibro di Faenza il 23 gennaio 2024.
    Io ho portato “ECOLOGIA DEI MEDIA: Manifesto per una comunicazione gentile” di Fausto Colombo che ho regalato a Osvaldo Danzi.
    Ho ricevuto da parte di Luana Elia l’intramontabile “Il Piccolo Principe” di Antoine de Saint-Exupéry.

  2. Buongiorno, ho partecipato alla serata a Roma del 30 gennaio, ho regalato Il richiamo della foresta di Jack London a Rosanna e ho ricevuto per 10 minuti di Chiara Gamberale da Irene.
    Saluti!
    Angela Lombardo

    1. Grazie per la suggestione, Angela. Non so come tu abbia fatto a capire che io sono una lettrice da le Considerazioni Filosofiche del Gatto Murr e I Miei Stupidi Intenti: sicuramente il cane Buck mi farà correre nella foresta con lui.
      In cambio, ho portato due libri “al buio”, scelti da Andrea e Chiara.

  3. Ho partecipato ieri sera, 30 gennaio, all’Aperilibro di Roma: ho portato, e ne ho letto un passo, “La simmetria dei desideri” di E. Nevo e l’ho regalato ad Alberto. Ho invece ricevuto da Michela “Le città invisibili” di I. Calvino, e ne sono stata felicissima… Grazie, Michela, per avermi scelto come destinataria! Alberto, a te auguro di sentirti avvolto e coinvolto da Nevo come lo sono io ogni volta che leggo ciò che scrive.

  4. – Aperilibro a Napoli.
    – Ho portato “Il venditore di passati” di José Eduardo Agualusa
    – Ho ricevuto “Sostiene Pereira” di Antonio Tabucchi
    Ehm “lusofonia, lusomania” 🙂

  5. Ho partecipato alla serata di Roma del 30 gennaio, ho regalato Io sono con te di Melania Mazzucco e ho ricevuto La fiera della vanità di Thackeray e In mezzo al mare di Mattia Torre.

  6. Io ho partecipato alla serata Aperilibro a Faenza il 23 Gennaio 2024.
    Ho ricevuto con piacere “Nice Work” di David Lodge dal mio vicino di sedia (oddio ho scordato il nome!) e ho regalato “Abitare poeticamente il mondo” di Christian Bobin a Luana Elia.
    Antonella Bandoli

  7. Ho partecipato all’Aperilibro di Roma il 30 gennaio 2024. Ho regalato a Maria Grazia Pagliuca un romanzo che mi ha profondamente colpito nel 2023: “Ogni mattina a Jenin” di Susan Abulhawa.
    Ho invece ricevuto da Rosanna “La forza del ben-essere in azienda” di Paolo Boscacci.

  8. Ciao,
    ho partecipato all’Aperilibro di Roma del 30 gennaio.
    Ho regalato “Guerra e Pace” a Stefania.
    Ho ricevuto il bellissimo “La simmetria dei desideri” di E. Nevo da Luciana, che ringrazio tanto!

    1. Che bello leggere i vostri commenti sull Aperilibro del 30 gennaio a Roma
      Io ho portato “Il sentiero dei nidi di ragno” di Calvino che ho regalato a Irene ed ho ricevuto “Guerra e Pace” da Alberto di Torino
      Grazie a tutti
      Stefania

  9. Aperilibro del 23 gennaio 2024 location Casa Spadoni , splendida location tanta goduria per gli occhi e il palato . Ho ricevuto da Osvaldo Danzi il libro “In mezzo al mare” autore Mattia Torre sette atti comici da smandibolarsi dalle risate.

  10. Ho partecipato all’Aperilibro del 23 gennaio a Casa Spadoni a Faenza (viva la Romagna!). Ho avuto il piacere di regalare a Diego de Simone forse il romanzo più conosciuto di Chimamanda Ngozi Adichie, L’ibisco viola. Un libro che consiglio a chi è interessato alle tematiche di genere ma soprattutto a chi ama storie così ben raccontate da far percepire al lettore l’atmosfera e le sensazioni vissute dai protagonisti.
    Ho ricevuto Il lupo e il filososfo, di Mark Rowlands e sono molto curiosa di leggerlo.
    È stata una magnifica serata, conclusa a cena davvero in buona compagnia.

  11. Ciao, ho partecipato all’aperilibro di Faenza il 23 gennaio.
    Ho portato con me il libro, che mi accompagna da sempre, perché sa portarmi all’essenza, “Il Piccolo Principe” di Antoine De Saint-Exupéry.
    Ho ricevuto in cambio, da Antonella Bandoli, un libro che non conoscevo: “Abitare Poeticamente Il Mondo – Le Plâtrier Siffleur” di Christian Bobin.

  12. Grazie per l incontro di Roma del 30 gennaio, é stato molto piacevole incontrarvi e scambiare idee e sensazioni con questo gruppo di sconosciuti
    Ho portato “Il sentiero dei nidi di ragno” di Calvino donato ad Irene ed ho ricevuto “Guerra e Pace” da Alberto di Torino.
    A presto

  13. Ciao a tutti!
    Ho partecipato all’aperilibro del 06 Febbraio a Milano.
    Ho portato con me “Immuni alla verità” di Nicoletta Prandi, donato poi a Carlo, e ho ricevuto da Alice “Lire 26.900 (ora Euro 13,89)” di Frédéric Beigbeder.

  14. Grazie a tutti per la partecipazione all’aperitivo del 6 febbraio a Milano, è stato bello conoscervi attraverso il racconto dei vostri libri!
    Ho portato con me “Endurance” di Alfred Lansing, poi donato a Chiara (spero di ricordami correttamente il nome!) e ho ricevuto da Sergio “Un altro giro di giostra” di Tiziano Terzani.

  15. Ciao a tutti e tutte, ho partecipato all’Aperi-libro del 6 febbraio a Milano, portando il bellissimo libro di Vito Mancuso intitolato “A proposito del senso della vita” che ho donato a una signora bionda e alta (di cui non ricordo il nome). Ho ricevuto il libro di Gabriel García Márquez “Cronaca di una morte annunciata”, che leggerò sicuramente. Grazie!
    Bellissima serata, con anche diverse “carrambate” 😀

  16. Eccoci! Bella serata quella di ieri, perché i libri sono stati un ottimo mezzo per conoscere e farsi conoscere in un modo ancor più simpatico e libero rispetto al solito.

    Da Enio ho ricevuto “Uomini e topi” di Steinbeck mentre io ho portato “Le otto montagne” di Cognetti che ho dato a… chiedo venia, ma il mio unico neurone ancora funzionante — e poco capace di imparare velocemente i nomi nuovi, da sempre — non mi permette di ricordare a chi!

    Se chi ha ricevuto “Le otto montagne” deve ancora scrivere il suo commento, può liberamente lamentarsi di questa mia sciatteria 😉

    1. Eccomi sono Mirko Fois e non preoccuparti anche io non mi ricordavo il tuo nome aspettavo che scrivessi tu per mascherare la figuraccia. Il libro ricevuto lo leggerò sicuramente visto che era nella mia lista dei desideri e io ho portato “Non leggete i libri fateveli raccontare” di Luciano Bianciardi (dimenticavo che nel essere troppo stringato martedì in presentazione non ho detto che l’autore era toscano e non sopportava Milano… ) e spero che passi in secondo piano che non mi ricordo il nome del ragazzo a cui l’ho donato, comunque grazie della serata è ci vediamo presto

  17. Ho partecipato all’aperilibro del 6 febbraio a Milano e ho portato il libro “Lire 26.900” di Frédéric Beigbeder, che racconta la vita di un pubblicitario che combatte con i suoi demoni interiori e con la consapevolezza di alimentare un sistema consumistico malsano… stessa cosa che è successa a me quando ho iniziato a lavorare in pubblicità e motivo per cui ho desiderato fortemente CAMBIARE questo settore. Ho ricevuto il libro “Si fa presto a dire smart” di Adele Nardulli e ho avuto il privilegio di riceverlo direttamente dall’autrice 🙂

  18. Ieri, giorno del signore 6 febbraio 2024, ho partecipato al mio primo Aperilibro nella BELLISSIMA Milano. Non sapevo nemmeno che ci fosse Sanremo!
    ho portato “Diario di un’apprendista astronauta” di Samantha Cristoforetti. Lei non ha bisogno di presentazioni. Il libro è una perla che merita. Scritto benissimo, ti accompagna nella lunga preparazione degli aspiranti astronauti, tra viaggi, esami, paure, sogni, riflessioni a 360 gradi sui grandi temi (parità di genere, aspettative, diritti e doveri..) con una lucidità e un’onestà intellettuale che poche volte mi è capitato di incontrare.
    Mi sono portata a casa “Chimera” di Vassalli. Lo conoscevo, ma non l’avevo mai letto. Curiosa come una scimmia, l’ho iniziato stamattina in treno sulla tratta Milano – Pavia.. e chi l’ha letto sa che è come entrare nelle prime pagine del romanzo!

  19. Ciao, ho partecipato all’aperitivo letterario del 6 febbraio a Milano. Bella serata, divertente e piena di stimoli. Ho portato il libro “Felicità” di Will Ferguson e ho ricevuto “Io cammino da sola” di Alessandra Beltrame. Ci sono stati altri libri che mi hanno incuriosito come “Lire 26.900” di Frédéric Beigbeder e “Uomini e Topi” di Steinbeck.

  20. Ciao,
    Ho partecipato all’ aperilibro di Napoli.
    Ho regalato “Leggende napoletane” di Matilde Serao. Un libro a me caro non solo per il legame con la mia città ma anche per le emozioni che mi regala la Serao per la sensibilità della sua scrittura.
    Ho ricevuto da Simona “il venditore di passati” di Agualusa, un libro che mi ha incuriosito sin dal titolo e dal modo in cui Simona ce l’ ha raccontato. Non vedo l’ora di leggerlo.

  21. Ciao a tutti e tutte,

    ho partecipato all’aperilibro del 6 febbraio a Milano e mi sono divertita un sacco!

    Ho regalato ” I doni dell’imperfezione” di Brenè Brown (ascoltate il suo Ted Talk, merita!) e ho ricevuto da Mattia il libro: “La mappa delle culture” di Erin Meyer.

    Ho un’amica portoghese che si è incuriosita molto del libro donato da Mattia ( e non solo lei! ).

    Vado a leggerlo, ciao!

  22. Ciao, mia prima esperienza di Aperilibro (Milano, 6 Febbraio). Ho trovato l’evento originale nel format, ed arricchente nel contenuto, riparteciperò di sicuro! Ho ricevuto “Risorse Umane” di Antonio Ortuño da Andrea Montuschi (grazie Andrea) ed ho “affidato” Uomini e topi di Steinbeck a Maurizio Piacenza. Un “classicone”, storia di due braccianti (due “scartati”, usando la terminologia di Senza Filtro), storia di amicizia, di lotta, di sudore, di dolore.
    Scritto ed ambientato nella California degli Anni ’30, ma sembra scritto oggi e purtroppo potrebbe essere ambientato nei campi di raccolta dei pomodori e degli ortaggi della nostra Campania o Puglia, Anno Domini 2024….

  23. Ciao a Tutti,

    ho partecipato all’Aperilibro di Milano ed è stato veramente interessante e con molte risate 🙂
    Ho donato “Io cammino da sola” di Alessandra Beltrame a Nicola De Carne (nome scoperto tramite questi messaggi) e ricevuto “Se niente importa” di J.Safran Foer da una signora di cui non so il nome (fatti viva!).
    Esperienza da ripetere sicuramente!

    Grazie Osvaldo, grazie Fior di Risorse

    ps prox volta prendo appunti almeno coi nomi di quelli che mi sedevano vicino 🙂 🙂 🙂

  24. Buonasera a tutti.
    Ho partecipato il 9 febbraio al primo Aperilibro di FiordiRisorse a Bari!
    Il libro che ho portato è IL MANUALE DEL GUERRIERO DELLA LUCE di Paolo Coelho, il mio libro del ❤️…
    Ho ricevuto SPATRIATI di Mario Desiati.
    Leggerò con piacere questo romanzo ambientato a Martina Franca.

  25. Buonasera,
    ho partecipato ieri all’aperilibro di Bari. Ho ricevuto da Giuseppe il libro “La ricerca della felicità” di J.krishnamurti e ho regalato a Osvaldo “La grammatica della fantasia” di Gianni Rodari.
    Il mio compagno Giuseppe ha regalato il libro “Guida galattica per gli autostoppisti” di Douglas Adams ad Aldo e ricevuto da Luciana “L’ora di lezione” di Massimo Recalcati.

  26. Buonasera a tutti,ho partecipato all’aperilibro del 6 febbraio nella tanto odiata Milano.
    Mi ha coinvolta mio marito, e sono stata super contenta che lo abbia fatto.
    Ho portato Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino, ed ho ricevuto il romanzo rimasto incompleto di Kafka,
    Il Castello.
    Mi viene già l’ansia sapendo che non conoscerò mai come andrà a finire,ma non vedo l’ora di leggerlo.
    Grazie per la splendida serata e a presto
    Ps dove trovo tutte le foto della serata?
    Mary

  27. Ciao! io ho partecipato all’aperilibro a Bari. Ho ricevuto le Poesie di Eugenio Montale (che ho iniziato a leggere a mia figlia di 4 anni 🙂 e ho donato il libro “gli Spatriati” di Mario Desiati..Bella serata, con tante persone e tante storie conosciute…alla prossima!

  28. 1) ho partecipato all’aperilibro di Bari da Liberrima
    2) libro portato: l’Inferno di Dante
    3) libro ricevuto: Stupori e tremori di Nothomb

  29. ieri, venerdì 1° Marzo 2024 ho partecipato al mio primo Aperilibro a Padova. E’ stata un’ottima occasione per conoscere dal vivo molte persone della mostra community (ca. 25 pax) con le quali intessevo solo contatti virtuali.
    Ho raccontato della mia passione per Paolo Borzacchiello: è vero, non si rende molto simpatico dal vivo o sui social, ma ha una conoscenza molto approfondita dell’intelligenza linguistica e dell’effetto che le parole hanno sul nostro cervello a livello fisico e fisiologico.
    Lui è fermamente convinto che alla base del successo personale di ognuno di noi c’è la capacità di controllare come usare parole e pensieri per produrre ormoni specifici all’interno del nostro corpo a seconda delle circostanze. Noi samo un mix chimico di ormoni e neurostrasmettitori e quando impari a capire che puoi gestire le tue emozioni controllando la chimica del tuo organismo puoi lavorare su te stesso e poi sugli altri, di conseguenza. Chi conosce le regole e sa usarle a proprio vantaggio, vince.

    Ho tratto degli spunti molto utili per il mio lavoro di formatrice, confermati anche dagli studi sulle neuroscienze e ne farò buon uso.
    Il libro si chiama ” Il quinto senso”: mi è sembrato azzeccato regalarlo a Nicoletta Travaglini che come Head of Human Ressources and Organization della Danisi Engineering potrebbe averne bisogno nel suo lavoro, ma sono assolutamente utili anche altri libri della stessa collana (giusto per info avevo già letto “la parola magica”, “il potere del linguaggio”, “la chimica delle interazioni umane”). State bene!

  30. Ciao a tutti,
    anch’io ero presente all’Aperilibro di venerdì 1° marzo, in quel di Padova.

    Sinceramente non vedevo l’ora di partecipare ed è stata veramente un’esperienza ricca di stimoli, conoscenze e professionalità. E anche una carrambata, visto che dopo alcuni anni ho ritrovato una persona conosciuta in un’azienda, in occasione di una presentazione di un progetto.

    All’evento eravamo in 27/28 persone. Ci siamo tutti presentati, raccontando un pò di noi, di cosa ci occupiamo, delle passioni, osservazioni e considerazioni varie sia di carattere personale che professionale.

    Con me ho portato un libro che nel 2023 è entrato nella mia TOP5 : “Contaminati” di Giulio Xhaet. Un libro nel quale, come raccontato in occasione dello scambio, mi sono veramente sentita parte attiva e coinvolta. Molte similitudini, molti, moltissimi riferimenti alla necessità di allargare non solo le conoscenze, in termini di persone, ma anche in termini di capacità e competenze, una trasversalità, meglio se disomogenea, ma nella quale ogni esperienza, competenza e conoscenza può aiutarci a crescere, capire, completarci, lavorare e proporci meglio.

    Ho regalato questo libro a Stefano Lena (quasi un vicino di casa ). A proposito Stefano, hai letto la dedica di apertura che ho scritto? Mi piaceva non lasciarlo “anonimato” ma apportare un piccolo ringraziamento e benvenuto.

    In cambio ho ricevuto un libro da Osvaldo, “Licenziate i padroni” di Marco Bentivogli. Divorato in una domenica pomeriggio, quante verità!! E quanti padroni sarebbero da licenziare.

    Che dire, non vedo l’ora che arrivi il prossimo Aperilibro veneto, mi sto già muovendo per poterne organizzare uno nella splendida Treviso. Stay tuned! Intanto grazie a tutti coloro che ho incontrato quella sera, che non dovrà rimanere un caso isolato ma sarà l’inizio di una bella “fioritura” veneta!
    A presto!

    Laura Facchin.

Lascia un commento