News

Gli stage NON devono essere pagati.

2 commenti1132 visite

precaria_stagista250E’ capitato a tutti di imbattersi in offerte di stage “singolari”, caratterizzate dalla ricerca di “tirocinanti esperti” piuttosto che basati su attività che hanno ben poco di formativo, a fronte di un indubbio carico “operativo”.

Più che eccezioni, sembrano quasi essere diventati la regola, e non è raro che anche in articoli “di stampa specializzata” si parli di “contratto di stage” e di “paga”.

Cosa che è sbagliata e scorretta in tutti i modi che riuscite ad immaginare: uno stage NON deve essere pagato proprio perchè non è un lavoro.E se vogliamo che proporre dei tirocini formativi continui ad avere senso, forse è necessaria una riflessione.

Ho cercato di dare il mio piccolo, provocatorio contributo nel nuovo post del mio blog, “Psicologo del Lavoro”.

Voi cosa ne pensate?

 

2 Commenti

  1. E’ vero quello che scrivi quando parli di corretto uso delle parole, forse è tutto lì. L’ipocrisia nel mondo del lavoro è forse la più grande pecca. Quando lavoriamo chiediamo in primo luogo dignità per quello che siamo professionalmente e se il rapporto è franco siamo anche disposti a collaborare senza rimborsi o retribuzioni perché ne cogliamo altro valore (forse tutti lo abbiamo fatto per un po’ di tempo e a mio avviso ci sta se la relazione è onesta e di crescita).
    Basterebbe usare i termini giusti per aspettarsi le persone giuste e non far sentire sbagliati quelli che non vorrebbero sentirsi tali.

Lascia un commento